Tracheite: sintomi e rimedi naturali

La trachea è una sezione del sistema respiratorio, che viene coinvolta in fase di inspirazione ed espirazione. Quando l’aria viene introdotta attraverso il naso o la bocca, passa prima per la laringe e quindi raggiunge la trachea, che si ramifica successivamente in due tubi che si chiamano bronchi, che conducono l’aria direttamente ai polmoni. La trachea svolge quindi la funzione di condotto e trasporta l’anidride carbonica dal corpo verso l’esterno in fase di espirazione.

La tracheite è un’infiammazione che colpisce questa sezione e che è causata solitamente da un batterio che si chiama Staphylococcus aureus, anche se esistono altri batteri che posso esserne la causa. La tracheite è una malattia molto comune nei bambini, soprattutto nei neonati, ma ultimamente sono stati riscontrati diversi episodi anche nei soggetti adulti. È quindi utile comprendere quale è la sua causa, quali sono i suoi sintomi e quali possono essere i rimedi naturali utili per prevenirla e per curarla.

Tracheite: le cause principali

trachea

La tracheite batterica si sviluppa frequentemente dopo che il corpo ha vissuto un’infezione alle vie aeree superiori, come ad esempio un raffreddore. I batteri invadono infatti in un secondo momento la trachea e danno origine da un’infezione che si sviluppa con il ginfiore e con l’infiammazione dolorosa.

Fra le cause più comuni della tracheite vi sono anche il reflusso gastroesofageo che irrita nel suo complesso le vie respiratorie e la gola e anche il fumo di sigaretta, che può essere una delle case di tracheite cronica e della comparsa di recidive.

Tracheite: i sintomi principali

La tracheite si manifesta con tosse, con il naso chiuso, con una febbre che solitamente si propone lieve. Tutto questo nei primi momenti, quando i batteri o i virus sono in fase di incubazione. Dopo circa cinque giorni, la tracheite può passare alla fase acuta che si manifesta con tosse grave e profonda, con il respiro che diventa via via sempre più affannoso, con linfonodi ingrossati e con suono acuto simile allo stridore che accompagna la respirazione, nonché con episodi di febbre alta.

La trachite può accompagnarsi anche ad altri sintomi, che sono tipici dell’infezione delle vie respiratorie, quali il mal di gola, la faringite, la tosse che può essere secca o grassa e il classico raffreddore.

Nella valutazione dei sintomi della trachite è importante ascoltare il respiro, perché il sibilo e il suono acuto è indice che vi è un’ostruzione parziale delle vie aeree. Il medico può quindi diagnosticare la tracheite sottoponendo il paziente ad un esame fisico, che si basa sull’auscultare i polmoni e sulla verifica che sussistano o meno delle problematiche a livello dei polmoni. Per confermare la diagnosi di trachite, possono essere effettuati dei test supplementari quali la saturazione, che indica il livello di ossigeno sciolto nel sangue, la radiografia della trachea e il tampone rinofaringeo, ovvero il prelievo di un campione di secrezioni che viene fatto nella parte superiore della gola, al fine di controllare se sono presenti dei sedimenti batterici.

Per diagnosticare la tracheite il medico deve quindi escludere che si tratti di infiammazione della laringe, quindi di laringite, dei polmoni quindi di polmonite o di bronchite, ovvero dell’infiammazione dei branchi.

Tracheite: i ceppi batterici

tracheite-sintomi-cure

I ceppi batterici che causano la trachite vanno ricercati nello streptococco, nello pneumococco e anche nel virus dell’influenza. È importante considerare che la trachite è contagiosa, in quanto è causata da virus o batteri che possono essere trasmessi con il respiro e anche con le goccioline di saliva, soprattutto se è caratterizzata da raffreddori e quindi dalla pratica di starnutire continuamente.

È inoltre importante considerare che la tracheite aumenta esponenzialmente con il fumo di sigaretta, quindi chi la soffre, così come accade con tutte le malattie che interessano le vie respiratorie, deve cercare di astenersi dal fumo e anche cercare di rilassarsi, perché è stato stabilito che una delle cause della malattia è lo stress e il conseguente abbassamento delle difese immunitarie in generale.

Tracheite: rimedi naturali

La tracheite deve essere diagnosticata dal medico curante e in base alla sua gravità e curata con i giusti medicinali. Vi sono però dei rimedi naturali e dei suggerimenti per la tracheite che possono essere impiegati come supporto e come utile prevenzione, vediamo quali sono i principali e più efficaci:

evitare ambienti affollati: la tracheite è una malattia debilitante, che interessa le vie respiratorie, che stanno vivendo un periodo di forte stress. Evitando gli ambienti affollati si evita di entrare in contatto con ulteriori virus o batteri, che vista la condizione debole del malato possono attecchire facilmente e quindi dare origine complicazioni di natura problematica. Se viene diagnosticata la tracheite è quindi opportuno restare nella propria abitazione e non entrare in contatto con molte persone, perché la patologia è a sua volta molto contagiosa;

riposare: il riposo è fondamentale per guarire dalla tracheite, soprattutto se essa fa seguito a periodi di sfinimento e a giornate molto stressanti. Il riposo è rigenerante, perché aiuta la flora intestinale e gli anticorpi a ristabilirsi in modo naturale e quindi a rafforzare e tonificare il fisico;

fare i gargarismi alle erbe: i gargarismi sono un ottimo rimedio naturale contro la tracheite, perché lavorano sia per sfiammare il gonfiore che per alleviare il dolore. Le erbe più adatte sono l’alloro, il timo, l’origano e anche il cumino, che possono essere preparate sotto forma di decotto o di infuso, lasciate raffreddare e quindi utilizzate per fare i gargarismi e i risciacqui a temperatura ambiente;

rivolgersi all’agopuntura: secondo la medicina cinese, le infezioni delle vie respiratorie devono essere lette come un forte disequilibrio energetico, che coinvolge tutto il corpo. L’agopuntura si occupa di riequilibrare i canali energetici ostruiti e quindi di agire efficiente in modo olistico, coinvolgendo tutto il corpo. In questo caso l’agopuntura si concentra sul meridiano del polmone che si trova in corrispondenza della piega articolare del polso. È fondamentale rivolgersi ad un esperto agopuntore per risolvere il problema, coadiuvare la guarigione ed evitare che la tracheite sia cronica o presenti delle recidive nel corso del tempo;

fare i cataplasmi con i semi di lino: per ottenere la farina di semi di limo bisogna pestare con forza i emi nel mortaio, impiegando strumenti di pietra o di legno. La farina va quindi mescolata con l’acqua calda e il cataplasma va applicato su una garza pulita sul petto e sulla schiena all’altezza dei polmoni, come se fosse un impacco. Il cataplasma di semi di lino aiuta a rilassare la muscolatura della trachea, quindi ad espettorare il muco che si sedimenta nei bronchi e anche a fluidificare il catarro;

bere infusi di camomilla ed eucalipto: molte sono le erbe balsamiche che aiutano a guarire dalla tracheite, ma composizione più adatta si realizza con i fiori di camomilla e le foglie di eucalipto. È possibile aggiungere al composto anche foglie di arancio e di melissa, per rendere la tisana più completa, quindi basta chiedere all’erborista di fiducia di preparare una base che va messa in acqua, fatta bollite e filtrata, quindi consumata per tre volte al giorno;

usare gli oli essenziali: potenti e benefici, gli oli essenziali sono un toccasana per le vie respiratorie, soprattutto se sono potenti e scelti di ottima qualità. In questo caso la scelta chiede di indirizzarsi versi l’eucalipto, la menta piperita, la menta giapponese e gli oli possono essere impiegati per fare dei suffumigi, i buoni profumi, per essere sciolti nella vaschetta del termosifone se fa freddo o anche spruzzati in diluizione con acqua sulla fodera del cuscino, per favorire il riposo diurno e notturno;

disinfettare le vie respiratorie con la propoli: La propoli è un prodotto delle api dal gusto molto amaro, che è in grado di disinfettare in modo efficace le vie aeree. Il modo migliore per impiegarla è assumerla pura, o magari diluita con un po’ di miele. In commercio si possono reperire molti prodotti a base di propoli, quindi è importante scegliere basi ad alta concentrazione, arricchite con ingredienti specifici e di buona qualità, come il miele, le erbe aromatiche, gli stessi oli essenziali e gli estratti vitaminici che fortificano le vie respiratorie;

preparare la tisana del buon respiro: si tratta di una tisana che può essere bevuta durante il giorno se si desidera rimanere vigili e che chiede di comporre la lavanda alla menta e al tiglio e di completare il tutto con il timo. Queste quattro erbe e piante aiutano a disinfettare la trachea, migliorano il respiro e al contempo sedano lo stato nervoso, pur mantenendo una certa lucidità mentale. La preparazione è molto semplice, perché basta farsi preparare la miscela da un erborista o mescolare 25 grammi per ogni tipo di erba e versare un cucchiaio di preparato per ogni tazza di acqua, lasciandolo in infusione per almeno venti minuti. Il composto va quindi filtrato e la tisana può essere bevuta ad ogni ora del giorno, magari dolcificata con miele balsamico. Per migliorare la funzionalità del preparato è possibile acquistare dell’olio di menta edibile, ovvero che può essere mangiato. Si tratta di prodotti molto costosi, ma che offrono una resa eccezionale e che permettono di massimizzare gli effetti delle altre erbe quando c’è la necessità di disinfettare e di rendere più forti le vie respiratorie. Acquistare un olio di menta edibile, o anche di eucalipto, è una scelta perfetta per chi desidera curare la tracheite con rimedi naturali e prevenire efficacemente l’insorgenza di problemi respiratori in ogni stagione dell’anno.

Chi sono...

Valeria Martalò

Lascia un commento:

Termini di ricerca:

  • tracheite rimedi naturali miele
  • trachea infiammata rimedi naturali
  • rimedi per tracheite
  • rimedi naturali per mal di gola e tracheite
  • tracheite rimedi naturali
  • tracheite sintomi e cure
  • rimedi naturali per la tosse
  • rimedi naturali tracheite
  • come si guarisce dalla rinite faringite tracheite
  • rimedi tracheite